Storia

La Diocesi di Susa ha una superficie di circa 1062 Kmq., con una popolazione di circa 71.000 abitanti. Vi sono 61 parrocchie. Il territorio confina con le diocesi di Torino, Pinerolo, Maurienne e Gap.

640px-Susa_TO_Cattedrale_San_Giusto_e_Porta_Savoia

La Diocesi venne eretta con Bolla «Quod Nobis» di Clemente XIV, il 3 Agosto 1772. Il suo territorio venne composto unendo le parrocchie dipendenti dalle antiche abbazie di San Giusto di Susa, dei Santi Pietro e Andrea di Novalesa, di San Michele della Chiusa, alle quali furono aggiunte alcune parrocchie soggette al priorato di Santa Maria Maggiore di Susa site nella bassa valle. Le parrocchie dell’alta valle, un tempo dipendenti dalla prevostura di San Lorenzo d’Oulx e da Santa Maria Maggiore, vennero unite nel 1748 alla neonata diocesi di Pinerolo e solo nel 1794, alla morte del primo vescovo, monsignor d’Orlié de St. Innocent, passarono a quella di Susa. Tra il 1803 e il 1805, con le leggi napoleoniche, le diocesi di Susa e Pinerolo furono soppresse e aggregate la prima a Torino e la seconda a Saluzzo. Esse furono ripristinate solo con la Restaurazione, nel 1817. Il primo vescovo di Susa fu mons. Francesco Giuseppe Maria Ferraris dei conti di Genola, teologo della cattedrale di Pinerolo, il quale ottenne il seggio episcopale a soli 33 anni, nel 1778 e lo mantenne fino al 1800, anno della sua morte. [fonte: Centro Culturale Diocesano]

VESCOVI DI SUSA

  1. Ecc. Mons. Giuseppe Francesco Maria Ferraris dei conti di Genola (1778 – 1800)
  1. Ecc. Mons. Giuseppe Prin (1817 – 1822)
  1. Ecc. Mons. Francesco Vincenzo Lombard (1824 – 1830)
  1. Ecc. Mons. Pietro Antonio Cirio (1832 – 1838)
  1. Ecc. Mons. Pio Vincenzo Forzani (1840 – 1844)
  1. Ecc. Mons. Giovanni Antonio Odone (1845- 1866)
  1. Ecc. Mons. Federico Mascaretti (1872 – 1877)
  1. Ecc. Mons. Edoardo Giuseppe Rosaz Proclamato «Beato» – 14.7.1991 (1878 – 1903)
  1. Ecc. Mons. Carlo Marozio (1903 – 1910)
  1. Ecc. Mons. Giuseppe Castelli (1911 – 1921)
  1. Ecc. Mons. Umberto Rossi (1921 – 1932)
  1. Ecc. Mons. Umberto Ugliengo[1] (1932 – 1953)
  1. Ecc. Mons. Giuseppe Garneri (1954 – 1978)
  1. Ecc. Mons. Vittorio Bernardetto (1978 – 2000)
  1. Ecc. Mons. Alfonso Badini Confalonieri (2001)

cropped-Coat_of_arms_of_Alfonso_Badini_Confalonieri.png

VESCOVI DI ORIGINE VALSUSINA

(dopo l’erezione della Diocesi)

Ecc. Mons. GIUSEPPE PRIN Vescovo di Susa (+ 1822)

Ecc. Mons. GIUSEPPE SCIANDRA Vescovo di Acqui Terme (+ 1888)

Ecc. Mons. EDOARDO GIUSEPPE ROSAZ Vescovo di Susa (+ 1903) Proclamato Beato da S. S. Giovanni Paolo II in visita pastorale a Susa il 14/7/1991

Ecc. Mons. GIUSEPPE CALABRESE Vescovo di Aosta (+ 1932)

Ecc. Mons. RINALDO CAMILLO ROUSSET Arcivescovo di Reggio Calabria (+ 1926)

Ecc. Mons. AGOSTINO ROUSSET Vescovo di Ventimiglia (+ 1965)

Ecc. Mons. GIUSEPPE GAGNOR Vescovo di Alessandria (+ 1964) 

Ecc. Mons. ANGELO PRINETTO Canonico di San Pietro in Vaticano (+ 1993)

Ecc. Mons. RENATO BOCCARDO nato a S. AMBROGIO di TORINO 21/12/1952, ordinato presbitero 25/6/1977, ordinato vescovo 24/1/2004. Arcivescovo di Spoleto e Norcia – via Aurelio Saffi, 13 – 06049 SPOLETO (PG). Tel 0743.23.10.61

[1] – S. Ecc. Mons. Giovanni Giorgis, eletto successore di Mons. Ugliengo, non prese possesso canonico della Diocesi, in seguito a malattia e successiva morte.

SANTI E BEATI della Diocesi

  • Giusto, martire

Titolare della Cattedrale e Patrono principale della Diocesi. Il Chronicon Novaliciense dice che patì il martirio sotto i Longobardi (quindi verso il 570); alcuni documenti del secolo XI e la tradizione affermano, invece, che S. Giusto fu ucciso, con altri novanta compagni, a causa della Fede, dai Saraceni (e quindi nel 906 o poco dopo). La sua festa si celebra il 19 ottobre.

  • Mauro, monaco

Contitolare della Cattedrale e Patrono secondario della Diocesi. Discepolo di S. Benedetto, compare in inni liturgici e in documenti fondiari della nostra abbazia fin dal secolo XI. Il suo culto deriva forse dal monastero di Digione, il cui abate, San Guglielmo di Volpiano, partecipò al rito della solenne consacrazione della Basilica divenuta poi nostra Cattedrale. Secondo uno studio recente la sua figura si sovrappose ad un più antico San Mauro, già ricordato, verso la fine del V secolo, dal vescovo di Pavia, Ennodio, nel suo Itinerarium ad Brigantionis Castellum. Cfr. N. Bartolomasi: Valsusa Antica, Vol. 11, Pinerolo, Alzani, 1985, pp. 215-216, 523-524. La sua festa si celebra il 15 gennaio.

  • Eldrado, abate

Nacque verso la fine del sec. VIII, fu abate del monastero di Novalesa, dove operò nella prima metà del sec. IX, partecipando attivamente a quel risveglio di vita civile, religiosa e culturale, che va sotto il nome di “rinascita carolingia”. La sua festa si celebra il 13 marzo.

  • Giovanni Vincenzo, vescovo ed eremita

Fu eremita sul monte Caprasio, secondo alcuni studiosi, già Arcivescovo di Ravenna. La tradizione lo indica come uno dei fondatori del monastero clusino (Sacra di S. Michele) e del Cenobio torinese dei SS. Solutore, Avventore ed Ottavio. Morì verso l’anno 1000. La sua festa si celebra il 27 novembre.

  • Beato Edoardo Giuseppe Rosaz, vescovo

Vescovo di Susa dal 1878 al 1903. Fondatore delle Suore Terziarie di S. Francesco (oggi Suore Francescane Missionarie). Nacque a Susa il 15 febbraio 1830. Beatificato a Susa dal Papa Giovanni Paolo II il 14 luglio 1991. La sua festa si celebra il 4 maggio.

  • Beato Pietro da Ruffia, martire

Domenicano, inquisitore della Fede a Torino, secondo la tradizione, morì martire a Susa, nel Convento dei Frati Minori Conventuali di S. Francesco, dove un’iscrizione lo ricorda ucciso dagli eretici il 2 febbraio 1365. La sua festa si celebra il 3 febbraio.

  • Beata Anna Michelotti, religiosa

Nacque il 29.8.1843 ad Annecy (ducato di Savoia) da padre originario di Almese (diocesi di Susa) e da madre savoiarda. Formata alla scuola spirituale di S. Francesco di Sales, fondò a Torino la Congregazione delle «Piccole Serve del S. Cuore di Gesù e degli ammalati» per la cura gratuita a domicilio degli ammalati. La sua festa si celebra il 1 febbraio.

  • Beato Federico Albert, sacerdote

Nacque a Torino il 16 ottobre 1820 da padre originario di Chateau Beaulard. Muore a Lanzo Torinese il 30 settembre 1876. Venne proclamato Beato da Giovanni Paolo II il 30 settembre 1984 a Roma, insieme al Beato Clemente Marchisio, sacerdote, che aveva ricevuto l’ordinazione sacerdotale nella Cattedrale di Susa. La sua festa si celebra il 28 settembre.

  • Beato Pier Giorgio Frassati, laico

Nacque a Torino il 6 aprile 1901. Giovanni Paolo II lo definì: «l’uomo delle otto beatitudini» e lo proclamò Beato il 20 maggio 1990. Alpinista e sciatore appassionato, frequentò la Valle di Susa. La sua festa si celebra il 4 luglio.